Archive

Archive for the ‘ARTICOLI’ Category

L’ITALIA CHIAMO’!

Categorie:ARTICOLI

LETTERA APERTA A GIANFRANCO FINI

febbraio 14, 2012 2 commenti
Di Fabrizio Penna
Caro Presidente, è bello tornare a parlare di progetto, ma anche di identità. In politica esistono idee che si fanno azione ed esistono soprattutto quelle idee per le quali vale la pena rischiare, come tu ami spesso ricordare. Soprattutto esiste il coraggio, quello che tu ci hai insegnato ad avere, il coraggio delle scelte, il coraggio della rinuncia. Progetto ed identità sono concetti che non contrastano tra loro, ma si completano e si rafforzano l’uno con l’altro. L’identita’ senza progetto produce qualcosa che non cresce e, come diceva Spengler, tutto ciò ‘ che non cresce e’ destinato a morire. Il progetto senza identità, invece, e’ mero esercizio matematico. I piani quinquennali delle economie sovietiche erano dei progetti perfetti, ma, volutamente senza identità, portarono meta’ del mondo al disastro. Così come in tempi più recenti la progettualità capitalista, eccessivamente globalizzata in sfregio ad ogni identità, sta vivendo una crisi finale devastante. L’albero più bello, quello che ad ogni stagione si rinnova con i fiori ed i frutti sempre più buoni, quello che resiste alle intemperie e che si adatta al suo habitat e’ sempre un albero che poggia su radici profonde.

Hai ragione, Presidente, ad esortarci a non aver paura di navigare in mare aperto o scendere nelle profondità ‘ degli abissi, ma ci ricordiamo che anche la più scassata delle navi quando naviga in mare aperto issa sempre le sue insegne. La Nina, la Pinta e la Santa Maria scoprirono il Nuovo Mondo issando, appunto, i segni della loro identità, allora quelli della cattolicissima Spagna. Cosi come Ulisse girovago’ per il mediterraneo con i simboli della sua Itaca. Oppure come i corsari più temibili, che si riconoscevano comunque nel loro jolly roger. Presidente, tu non avere paura delle parole. La battaglia delle parole, di cui parlava qualche tuo predecessore, deve essere sempre combattuta. Identità non e’ un tabù. Identità, diciamolo chiaramente, non e’ chincaglieria vetero, neo o post fascista. Identità e ‘ l’anima profonda di un popolo e dei suoi uomini migliori, quelli che per il bene comune si mettono in movimento. Senza la sua identità  Martin Luther King non avrebbe mai pronunciato “I have a dream” sostituendolo con un più accettabile, ma decisamente freddino, “I have a project”. Senza la sua identità cattolica, rivoluzionaria nell’america dei wasp, JFK non avrebbe percorso la nuova frontiera. Senza identità l’uomo sulla Luna non avrebbe piantato alcuna bandiera. Senza identità Vaclav Havel non avrebbe lottato per un’Europa libera e liberale. Senza identità non sarebbe mai sorto lo Stato di Israele. Senza identità Obama non avrebbe avuto alcuna New Hope. Senza identità i cantieri navali di Danzica non avrebbero mai visto nascere Solidarnosc. Nessun progetto puo’ nascere senza identità. Oggi, per dare prevalenza ai progetti rispetto alle identità, rischiamo di far svanire un sogno che si chiama Europa. Perché chi, come te, ha fondato questa Unione non può accettare che l’identità europea muoia bruciata dalle molotov di Atene in quanto progetto senza anima. Caro Presidente, potremmo anche noi raccogliere la tua sfida adulandoti, sarebbe facile, ma non sarebbe finiano, non sarebbe coraggioso. Potremmo anche noi discettare di politologia, ma dubitiamo che un ragazzo di venti anni possa scoprire l’impegno politico e civile senza passione. La generazione dei millennials, quelli che esistono perché socializzano in rete, sa benissimo che quello smartphone che li tiene connessi con il mondo e’ stato comprato con i soldi di un benessere che rischia di essere un lontano ricordo. Questi giovani sanno che quello che dice Mario Monti sul lavoro e’ vero, ma vogliono dai politici come te una motivazione per accettarla questa verità. E allora siamo pronti alla sfida. Noi in mare aperto ci stiamo, abbiamo già mollato gli ormeggi, anzi li abbiamo recisi in un solo istante con un solo colpo di ascia. Partendo abbiamo anche bruciato i pontili alle nostre spalle, indietro non si torna. Ma nel mare in tempesta, progettando ovviamente la rotta migliore, isseremo sempre il vessillo della nostra identità. L‘identità di una nazione, coesa, solidale e basata finalmente sul merito e sulla legalità. L’identità di chi vuole essere italiano perché ama la Patria dove e’ nato. L’identità di un popolo forte, creativo, aperto ed unito.

 

Categorie:ARTICOLI

FOIBE: ASCOLTIAMO CIO’ CHE VIENE DALLA NOSTRA TERRA

DA WWW.ONDAFUTURISTA.IT

di Andrea Titti

La Giornata del Ricordo che in questi giorni stiamo onorando, non deve essere esclusivamente un giusto omaggio alle vittime di un’epoca fatta di stragi, di odio ideologico ed etnico, ma un momento in cui inverare il significato profondo dell’Italianità. Gli accadimenti del confine orientale, nel periodo finale del secondo conflitto mondiale e negli anni del primo dopoguerra, ci dovrebbero insegnare che nessuna ideologia potrà mai sopire il bisogno dell’uomo di sentirsi parte di una comunità nazionale. Se la Patria è la terra dei padri, come non capire che il richiamo della terra ove si è nati, ove le proprie memorie personali e familiari trovano albergo, non smetterà mai di parlarci. Quegli uomini, quelle donne, quei giovani, che per non rinunciare ad essere loro stessi hanno sacrificato tutto, financo la propria vita, ci narrano di una storia fatta d’amore e non di odio, di solidarietà invece che di egoismi, di pace anzichè di guerra. Nessun “paradiso comunista” potrà mai annullare questi valori, radicati nell’anima profonda della nostra Italia.Le piazze, i campanili e le arene, da ogni pietra del più sperduto borgo dove i nostri avi hanno messo radici diffondono un messaggio assai più potente di qualsiasi regime che e qualsiasi dittatore. La storia delle terre Giuliane è l’esempio di come il concetto di Libertà cammini pari passo con quello di Nazione, indissolubilmente. Nazione e cittadinanza, affondano i loro significati nella cultura ancor prima che nei semplici confini geografici o politici. Oggi nell’epoca dell’Europa unita essi possono dispiegare la loro formidabile forza d’atttrazione di massa, che travalica ogni potere economico e finanziario. L’unità dei popoli basata sulla cultura e sulla tradizione non sarà mai spezzata da nessuno. La comunità che in solitario ha custodito questo valore per i decenni scorsi ora ha il compito di diffonderne i significati, il valore, affinchè sia tramandato alle generazioni future, mediante un opera indefessa di comunicazione e studio, spiegando come dalle radici più lontane si possa costruire un senso di appartenenza e cittadinanza comune e condiviso, tra tutti coloro che si sentono e sono Italiani.

Categorie:ARTICOLI

L’ULTIMA BOIATA DI MARIO IL TECNICO..

“Siamo arrivati alle comiche finali, ormai la linea antinazionale di Mario Monti e di questo governo è stata palesata, il premier dopo aver sparato contro il posto fisso adesso invita i nostri giovani a realizzarsi fuori dall’Italia. E’ assolutamente vergognoso quanto affermato da Monti, partito con il visino d’angelo adesso si sta rivelando per quello che è cioè un liberista amico delle lobby internazionali. Noi giovani Italiani crediamo nella nostra terra e rimarremo qui per sfidare la gerontocrazia, per moralizzare la politica, per la supremazia della politica sulla finanza, per riprenderci il nostro futuro e quello del nostro popolo. Caro Mario, IL DOMANI APPARTIENE A NOI!”-dichiarano i militanti del movimento nazionalpopolare Gioventù Futurista-

Categorie:ARTICOLI